Esordio da podio nel GT italiano per Veronesi

Il quarto round del Campionato Italiano Gran Turismo si è svolto su uno dei tracciati più belli d’Italia, il Mugello.
Pierluigi trova un’ accordo il Team Kinetic Racing di Luca Riccitelli, un nome importante nel Motosport, pilota professionista prima, laureatosi nel 1998 Campione Europeo I.S.R.S e vincitore della 24 Ore di le Mans nel 1999, ha portato poi, la propria esperienza come Istruttore per Porsche Sport Driving School e nell’Accademia Lamborghini.
Il bolognese, è entusiasta di affrontare questa nuova sfida e di poter far parte del circus di piloti, più importante e prestigioso, nel panorama del motorsport italiano.
Nelle prime prove libere Veronesi dopo un primo assaggio della vettura, è costretto a chiudere anticipatamente la prima sessione di prove per problemi al cambio. Il Team Kinetic ha svolto un ottimo lavoro consentendo a Pierluigi e al suo compagno Mikhail Spiridonov di prender parte al secondo turno di prove.
Le qualifiche si dividono in due sessioni, Q1 e Q2, di 15 minuti ciascuna, determinando lo schieramento rispettivamente di Gara 1 e Gara 2. Il bolognese in Q1 con il tempo di 2’00”808 ha ottenuto il terzo tempo nella Classe GT4 mentre è P6 in Q2 con Spiridonov.
Gara 1 – Sabato ore 16.00 Il caldo e la tensione si fanno sentire e per Pierluigi è giunto il momento che aspettava da tempo, la gara. Lo start è spettacolare incalza subito Magnoni su Ginetta e passa all’esterno in staccata, il veloce De Castro, anche lui alla guida di una Cayman; è P1 al primo giro, WoW! Pier impone il suo ritmo a suon di giri veloci cercando di porre più margine possibile tra se e la Cayman che lo precedeva. Al cambio pilota tutto sfila liscio e al rientro in pista con Mikhail entra la safety car. Spiridonov tiene la terza posizione per gran parte della gara poi negli ultimi giri a fronte del doppiaggio con le GT3 e usura gomme perderà due posizioni concludendo quinto di classe GT4.
Gara 2 – Domenica ore 13.15 Lo start di gara tocca questa volta a Mikhail, che parte bene e riesce a sfilare in partenza la Ginetta di Marchetti. All’apertura della corsia box, Spiridonov entra per il cambio pilota, sale Pier. E’ P3 a pochi metri ha l’atra Cayman di Maino, il passo c’è, e Veronesi decide di risparmiare l’attacco e puntare più sul finale di gara. C’è parecchio traffico in pista e coi doppiaggi Pier perde a volte anche 3 secondi al giro, un gap che ogni volta si farà sempre più duro da recuperare, più volte saranno i tentativi del bolognese, al Correntaio all’esterno, alla San Donato e infine all’ultimo giro alla Casanova, ma la numero è chiude sempre la strada al limite della correttezza e il bolognese decide saggiamente di accontentarsi del terzo posto.
Pierluigi Veronesi: “ E’ stata davvero una bella esperienza essere con Mikhail qui al Mugello e poter lavorare e confrontarmi con la squadra Kinetic Racing lungo tutto il corso del week end cercando di ottenere il massimo. Su entrambi i fronti c’è stato il massimo impegno e mi son sentito a casa fin da subito. Chiudere con un podio all’esordio sicuramente è un buon risultato ma si può sempre fare meglio.”

  admin  /    18 luglio 2017  /   Senza categoria  /   0 Commenti

commenti

Commenta questo post

   

Credits