Veronesi esordio in Super Cup: Secondo Assoluto e Vittoria nella Classe

Si conclude con un 2° posto assoluto e 1° di classe l’esordio del bolognese nella Super Cup.
Il bolognese non ci ha pensato due volte alla chiamata del patron della Serie, Giordano Giovannini; “Una chiacchierata piacevole durata una mezz’ora con un amico e non che organizzatore “ queste le poche parole dette da Pierluigi al termine del colloquio telefonico. Il contesto inedito della Nascar? la Super Cup che vanta una media di oltre 20 macchine al via in ogni evento? una vera amicizia tra i due? Tanti sono le ipotesi di quel “SI” che ha visto il bolognese cimentarsi nel quinto round del campionato a bordo di una BMW M3 E36 della RC Motorsport.
Nelle Prove Libere, Veronesi deve fare esperienza con una vettura tutta nuova con oltre 320 CV da gestire al posteriore, nonostante ciò Pierluigi è già nella top ten con un parterre di 24 vetture.
Le qualifiche svolte nel tardo pomeriggio del Sabato vedono Pierluigi prender parte alla sessione con gomme usate, una scelta decisa in precedenza a fronte dell’incognita maltempo prevista per la Domenica. AL termine delle qualifiche è settimo, un risultato che delude un po’ il bolognese per diversi motivi: traffico e temperature alte del motore non gli hanno consentito di trovare il giro giusto.
Nella giornata di Domenica le 2 gare, Gara 1 ore 11.30 e Gara 2 ore 15.30:
Gara 1 – Il Bolognese scatta bene dalla quarta fila recupera subito 2 posizioni e alla prima curva è già quinto. Al tornantino, in frenata accade però ciò che nessuno si aspettava, un bloccaggio strano della M3 E36 con Pierluigi costretto a difendersi dagli attacchi degli avversari, una spia gialla di warning fissa sul cruscotto segnala problemi all’impianto frenante. Pierluigi è costretto al ritiro.
Gara 2 – La partenza non vede la via uno dei pretendenti alla vittoria, Caprioni su Seat Leon, ciò  consente a Pierluigi di recuperare una casella in griglia di partenza. La partenza è ottima e Veronesi in staccata è secondo, che partenza! La 997 Cup di Cagliani allunga e per Veronesi è imprendibile. Dietro alle sue spalle si insidia un terzetto di tutto rispetto composto da Hafner, Morocutti, Pucciarelli. Nuovamente la spia gialla si accende ma Pier non vuole mollare tiene duro, blocca in diverse curve: al Tornantino, poi la tornata successiva alla curva Cavanella e alla curva Degado; via radio comunica col suo capo macchina Mario: “Ho bloccato tre volte, faccio fatica a guidarla perché il volante vibra tanto a fronte dello spiattellamento delle gomme” Mario con coraggio gli intima di continuare. I tre inseguitori lo sorpassano con facilità.Tutti dalle tribune aspettano dunque un rientro in pit-line per la BMW M3 E36, ma Veronesi non cede e continua Mario capisce subito che la situazione è delicata e anche una comunicazione via radio può deconcentrare il pilota, Veronesi migliora capisce come frenare in quella circostanza critica e si aiuta col il “punta tacco” per frenate la vettura maggiormente con il freno motore e con traiettorie che sfruttano molto i cordoli aiutando la vettura a fermarsi. Lo spettacolo riparte, Veronesi si avvicina nuovamente alle vetture che lo precedevano avviando così un duello spettacolare con sorpassi e controsorpassi con Pierluigi in difficoltà a scaricare in uscita di curva la cavalleria del suo BMW e a gestire la vettura in fase di frenata contando però su una maggiore velocità in rettilineo, dall’altra gli avversari mostravano maggiore maneggevolezza nelle curve e nella parte mista. Che duelli, che gara, che spettacolo questa Super Cup! Ad avere la meglio sarà il Bolognese che concluderà i sorpassi nelle ultime 3 tornate lasciando i tifosi col fiato sospeso fine alla fine. E’ bandiera a scacchi P2 assoluta e P1 di classe.
Le parole Pierluigi a fine gara:
“Lo sforzo di continuare in gara è servito, è servito non solo per il risultato raggiunto ma anche per ringraziare la squada che fino alle 6 del mattino ha lavorato per sistemarmi la macchina, un’attenzione così da parte dei tecnici era da anni che non la avvertivo”.

  admin  /    19 settembre 2016  /   News  /   0 Commenti

commenti

Commenta questo post

   

Credits