Veronesi is back!

E’ così che intitoliamo il ritorno del driver bolognese alle competizioni kartistiche.

Pierluigi dopo anni di motorsport ha ritenuto opportuno cimentarsi di nuovo in quelle competizioni in cui è cresciuto fin dall’età di 8 anni. Il kart dice rappresenta per me la scuola per ogni pilota, ti pone le basi per una guida pulita e ti insegna a dominare i ritmi frenetici e la pressione alle stelle che ogni gara ti sottopone.

La scelta dunque, è stata quella di monomarca in cui è il pilota a fare la differenza e i risultati hanno messo poco a spuntare. Pierluigi infatti il week end scorso è sceso in pista per la seconda prova del campionato organizzato dalla Birel Motorsport sul kartodromo di Pomposa (FE) e dopo un Sabato duro non solo fisicamente ma anche mentalmente abituandosi agli alti ritmi che il kart impone, ha ottenuto nelle qualifiche una straordinaria Pole Position su 20 piloti col crono di 59’751 precedendo Giamarco Quaresmini e Lorenzo Petrucci , quest’ultimo campione in carica e al comando della classifica del campionato odierna. In Prefinale però la gara è durata veramente poco perché dopo una splendida partenza che gli consentiva di mantenere la leadership della corsa, Petrucci lo sperona buttandoli letteralmente fuori pista costringendo Veronesi, con l’assale e piantone dello sterzo piegati, al ritiro. Un duro colpo da digerire questo; non solo per per il fatto di partire ultimi in finale ma anche per il rischio di farsi male, peggio infatti è successo alla curva successiva proprio a Quaresmini che è stato tamponato sempre da Petrucci, cappottando due volte col kart, ritrovandosi col telaio da buttare e diversi ematomi. La cosa triste è che tutto il pubblico dalle tribune si è alzato gridando la squalifica di Petrucci e il ritiro della licenza sportiva, a poco è valso però perché i commissari sportivi hanno proceduto solo a un richiamo verbale. Ma torniamo alle corse. In Finale Pierluigi parte in ultima fila, le rimonte lo entusiasmano ma è ben consapevole che i miracoli non sempre accadano in particolare se si dispone di un kart di due anni più vecchio rispetto la concorrenza e partendo 19esimo è difficile che il podio sia alla portata. Autore di una ottima partenza che gli consente di sfilare al pronti via 3 piloti, si ritrova 16esimo al primo giro di gara, è da qui che iniziano una serie di sorpassi che dureranno per tutta la gara. Peccato che la gara è durata solo una ventina di minuti. Pierluigi infatti concluderà ottavo in scia al settimo, col secondo miglior tempo in gara. Un ottimo inizio dunque, che fa ben sperare per le prossime gare e che ci lascia da parte nostra con questo commento…Sei un grande Pier!!!

  admin  /    16 marzo 2015  /   News  /   0 Commenti

commenti

Commenta questo post

   

Credits